Il Mercato delle Spezie a Istanbul

Mi Porti Qualcosa Da Istanbul?!

E subito ci viene in mente il Grand Bazar, pieno di tante cose, a volte non tipicamente turche,
anzi sempre più spesso, mai tipicamente turche. E il souvenir diventa qualcosa di monotono da
regalare! E se invece portiamo qualcosa di carino, tipico e che porta con se il significato delle
usanze turche?! Che sta in valigia e non costa tanto? Cosa potrebbero essere i veri souvenir da
Istanbul?!

Il classico regalino è il malocchio: mavi boncuk! Oramai se ne trovano di tutti i tipi, dal blu chiaro
a quello scuro, al verdino! Ma ha sempre la stessa funzione: proteggere dal malocchio! Certo
funziona solo se regalato! Ci sono le collane, i braccialetti, i pendenti da attaccare alla porta, da
decorazione per la casa. I più belli sono quelli in vetro, e anche i più veritieri, visto che la
tradizione vuole, che se si rompe uno degli occhi regalato, vuol dire che è stato spezzato
l’eventuale malocchio ricevuto.

Gli hamamı, o bagno turco, sono un’esperienza sempre ricercata quando si visita la Turchia ma
in special modo Istanbul. Ce ne sono di molti belli e antichi, più turistici o locali, ma sempre
un’esperienza da raccontare. Il secondo classico regalo sono i saponi all’olio di oliva (ma ora ce
ne sono di diversi profumi ed essenze: rosa, zenzero ecc.) e il classico asciugamano!
Al Grand Bazar (Kapali Carsi) se ne trovano di tutti i tipi e di tutti i prezzi, ma ci sono le versioni
souvenir che io trovo particolarmente carine e poco costose. I saponi vengono custoditi dentro
piccole scatolette decorate con i motivi delle porcellane e piastrelle turche, che rappresentano
tulipani e garofani, o mosaici di mille variazioni del turchese. Gli asciugamani sono di cotone o
lino, e hanno i classici motivi a righe orrizzontali, di diversi colori!

collage sapone

Un’altro classico è il caffè turco che viene accompagnato dal lokum, dolcetto gommoso e
gelatinoso ai diversi sapori. Il Divan Pastanesi, pasticceria storica di Istanbul, ha creato delle
scatolette souvenir molto carine, sempre sull’idea della riproduzione dei mozaici turchi, e ha
anche aggiunto diversi gusti meno classici della rosa e il pistacchio, come i lokum allo zenzero,
al cioccolato, alle mandorle e al mastice (Damla sakizi). Gusto che si ritrova spesso nello
stesso caffè e nei dolci a base di latte. Anche il caffè lo si può trovare di diversi gusti: zenzero,
cannella o, appunto, il damla sakizi! La Selamlique, ha creato delle scatole souvenir molto
carine, non costose e nei diversi gusti, con la spiegazione in inglese di come si fa il caffè turco e
di come si legge il futuro nella tazzina del caffè! :)

lokumekahve

Il tea è un altro regalo apprezzato, un rituale che fa parte della giornata, più del caffè, e che lo si
può trovare in varie varianti di gusto, oltre a a quello classico e al famoso alla mela, l’alternativa
alla rosa o quello alla cannella è piacvole!

Certo per completare il regalo non può mancare la classica tazzina da caffè turca e il padellino,
essenziale per fare un buon caffè, come il bicchiere da tea turco: il gusto è garantito più buono
grazie alla sua forma che ricorda, si dice, quelle della donna.
La ceramica è un altro regalo tipico: ci sono i soliti piattini vari, ma quelli che trovo portino un po’
più di significato sono le ceramiche sopra mobili del melograno. Averlo in casa porta prosperità e
fortuna, e adesso se ne trovano di tutti i tipi e prezzi: dai classici disegnati a quelli dal design più
moderno. In Turchia viene regalato per capodanno come porta fortuna per l’anno a venire.

 

Condividi:

Articoli correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>