Come arrivare a Istanbul

Come arrivare a Istanbul

I cittadini italiani possono entrare in Turchia con la Carta d’Identità.

Al controllo passaporti non dovrete fare alcun visto. Se entrate con la Carta d’Identità vi sarà dato un documento con il timbro di entrata nel paese. Questo timbro è, per il cittadino italiano, un equivalente del visto turistico che ha una durata di 90 giorni.

Se pensate di soggiornare in Turchia per un tempo superiore ai 90 giorni e fare il permesso di soggiorno, dovete entrare con il passaporto. Ricordate che per richiedere il permesso di soggiorno il vostro passaporto dovrà avere una validità di almeno 6 mesi.

AEREO

Il modo più veloce e pratico per giungere ad Istanbul è l’aereo. Le compagnie che hanno voli diretti per Istanbul sono:

Turkish Airlines      (Istanbul – Roma/Bologna/Torino/Pisa)

Pegasus Airlines    (Istanbul S. Gokcen – Roma/Bologna/Milano Orio al Serio)

Voli non diretti

Swiss Airlines

Trasporti da/per gli aereoporti:

Trasporti dall’aereoporto di Atatürk a Taksim/Yenikapı/Kadıköy: l’aeroporto di Atatürk si trova nella parte europea della città. Offre un servizio di bus navetta per Taksim, una delle zone centrali della parte europea di Istanbul e per Yenikapı IDO (dove potete prendere il traghetto diretto per Kadıköy). L’azienda di trasporti che offre questo servizio è HAVATAŞ, (il costo è 10Tl, circa).

Trasporti dall’aereoporto di Sabiha Gokҫen a Taksim/Kadıköy: l’aeroporto Sabiha Gokçen si trova nella parte asiatica della città. Ci sono servizi bus navetta Havataş per Kadikoy, una delle zone centrali della parte asiatica (il costo è di 8Tl, circa 60min) e Taksim (il costo è 12Tl, circa 1h30min).

Gli autobus sono frequenti, circa ogni 30 minuti per ogni destinazione.

Potete trovare gli orari dei servizi consultando: www.havatas.com


MOTO E AUTO

Patente e assicurazione

La patente italiana è valida per la guida in Turchia. Ciò di cui dovete fornirvi è un’ulteriore copertura assicurativa: la Carta Verde, che potrete ottenere già in Italia dal vostro assicuratore. Recarsi in Turchia senza questa Carta Verde, significherà acquistare una polizza a breve termine, da richiedere la sede del TTOK ( Automobile Club) a Istanbul, ai posti di frontiera di Kapikule, Ipsala e Derekoy, presso gli Uffici del TTOK ad Ankara e Antalya, o nei porti di Izmir, Mersin o Iskenderun.

In questo modo, il veicolo potrà restare in Turchia per un periodo di 6 mesi, dopo i quali dovrà essere portato fuori dai confini turchi per altri 6 mesi, prima di poter rientrare. Il veicolo deve entrare ed uscire dal paese con la stessa persona al volante, la quale è l’unica ad avere la facoltà di guidare il veicolo al’interno del paese.

Se entrate con una macchina che non è di vostra proprietà, dovete avere una delega dal proprietario della macchina con firma autenticata da un notaio, meglio se con una traduzione in turco.

Cosa dovete avere a bordo

–       casco di protezione per motociclisti

–       cinture di sicurezza per i sedili anteriori (obbligo di indossarle)

–       due triangoli rossi

–       kit di pronto soccorso

–       estintore

Per maggiori informazioni consultate il sito Viaggiare Sicuri


VIA MARE

Fino al 2010 c’era la possibilità di raggiungere la Turchia con la nave da Ancona con destinazione Izmir e da Brindisi con destinazione Ҫeşme.

Il servizio era svolto dalla Marmara Lines ma dal 2011 queste linee sono state soppresse, vi consigliamo quindi di raggiungere la Turchia via mare attraverso la Grecia.

Potrete trovare  gli orari dei traghetti sul seguente sito :  www.turchia.net

Per qualsiasi ulteriore informazione a riguardo non esitate a contattarci: info@vivistanbul.com

Condividi:

Articoli correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>